340 2277001 – Al nastro di partenza il “TELEFONO DI A.L.I.Ce.”

L’Associazione per la Lotta all’Ictus Cerebrale, presente anche nel territorio ferrarese per dare supporto ai pazienti in fase riabilitativa, attiverà dal 29 Marzo il numero 340.22.77.001. La nuova linea telefonica attivata dall’associazione A.L.I.Ce.Emilia Romagna Odv al 340.2277001 darà informazioni e supporto pratico a distanza ai pazienti in fase post ictus e alle loro famiglie anche in questo Leggi di più340 2277001 – Al nastro di partenza il “TELEFONO DI A.L.I.Ce.”[…]

IL TELEFONO DI ALICE: NON FARE CADERE LA LINEA!

Siamo A.L.I.Ce Emilia Romagna ODV – Associazione per la lotta all’ictus cerebrale e abbiamo bisogno del tuo aiuto! Vogliamo continuare ad aiutare, anche a distanza, i pazienti e le famiglie la cui vita è stata sconvolta dall’ictus cerebrale. Vogliamo, insieme a voi, attivare una linea telefonica regionale con un operatore disponibile quotidianamente. Useremo il telefono Leggi di piùIL TELEFONO DI ALICE: NON FARE CADERE LA LINEA![…]

Bilancio 2020 relativo all’anno 2019

Relazione attività 2019 Nel 2019 abbiamo realizzato moltissimi progetti oltre ad avere replicato alcuni eventi, volti alla sensibilizzazione delle persone, che sono ormai diventati  consuetudine di A.L.I.Ce. Ferrara Onlus, momenti di incontro con la popolazione per fare comunicazione e sensibilizzazione relativamente alla prevenzione e alla riabilitazione: Dal 27 al 31 marzo in collaborazione con il Leggi di piùBilancio 2020 relativo all’anno 2019[…]

L’ICTUS CEREBRALE SI PUO’ PREVENIRE MODIFICANDO IL PROPRIO STILE DI VITA

L’ictus cerebrale, nel nostro Paese, rappresenta la terza causa di morte, dopo le malattie cardiovascolari e le neoplasie. Dei 150.000 italiani circa che ne vengono colpiti ogni anno, la metà rimane con problemi di disabilità di varia entità; attualmente sono circa 1 milione i sopravvissuti con esiti di ictus più o meno invalidanti.

Cena con concerto jazz di beneficenza per A.L.I.Ce Ferrara odv

sabato 25 settembre dalle 21,00 alla SPIRITO a Vigarano Mainardaserata di Beneficenza per A.L.I.Ce Ferrara OnlusAssociazione per la Lotta all’Ictus Cerebralecon Bessie Boni e Massimo Mantovani che proporranno un repertorio di standard jazzistici e bossanova, riadattando brani apparentemente distanti tra loro, conferendovi un sapore fresco ed elegante, tutto giocato sulle peculiarità interpretative dei singoli musicisti Leggi di piùCena con concerto jazz di beneficenza per A.L.I.Ce Ferrara odv[…]

Donazione all’Ospedale Sant’Anna per Coronavirus

in data odierna i volontari di A.L.I.Ce Ferrara odv hanno effettuato la donazione di € 1500 all’Ospedale Sant’Anna per l’acquisto di materiali per il CoronaVirus L’importo devoluto proviene dal 5×1000 e dai proventi del banchetto per beneficenza di vendita di fiori che viene effettuato dai volontari presso l’ingresso 2 dello stesso Sant’Anna voglio ricordarvi di Leggi di piùDonazione all’Ospedale Sant’Anna per Coronavirus[…]

ATTIVAZIONE DI UN SERVIZIO GRATUITO DI SUPPORTO E CONSULENZA A DISTANZA DA PARTE DI SIMFER (Società Italiana di Medicina Fisica e Riabilitativa)

La SIMFER è l’associazione scientifica dei medici che operano nell’ambito della Medicina Fisica e Riabilitativa e non ha fini politici o sindacali.

La SIMFER prevede altresì iscritti sostenitori: privati, società, enti, istituzioni che decidano liberamente di partecipare alla attività scientifica della società. La SIMFER non ha finalità di lucro e non prevede esercizio di attività imprenditoriali o partecipazione ad esse, salvo quelle necessarie per le attività di formazione continua. E’ stata costituita a Torino nel 1958 ed attualmente conta oltre 2800 iscritti.

CAUSA CORONA VIRUS RINVIATO a DATA da DESTINARSI Ictus: cosa è successo … quale vita dopo … Life after Stroke

A complemento di altre numerose iniziative svolte ALICE Ferrara odv, in collaborazione con AUO, AUSL, Coop. Riabilitare, Carer, Città del ragazzo, Centro H, propone un articolato progetto “La vita dopo l’Ictus”, completamente autifinanziato, rivolto a sostenere le persone colpite da ictus medio-lieve. Il progetto comprende attività multiple svolte da diversi professionisti con la partecipazione attiva delle persone colpite da Ictus e dei loro familiari dopo la dimissione dall’ospedale.